Hospice

Casa di Cura

Villa Maria Immacolata

Lista di attesa HOSPICE

“Hospice Villa Maria Immacolata” Regolamento Interno

Gentili Signore e Signori La Carta dei Servizi dell’Hospice di Villa Maria Immacolata, ha lo scopo di far conoscere i servizi offerti, la metodologia di lavoro adottata e gli impegni che la nostra struttura si assume per garantire i diritti dei pazienti e delle loro famiglie.
La Carta dei Servizi è uno strumento volto alla tutela dei diritti alle cure degli utenti e,nel contempo a garantire al paziente ed ai suoi famigliari le informazioni ritenute utili per scelte consapevoli. In questa ottica in nostro Hospice riflette nella propria Carta dei Servizi l’impegno ad assistere con professionalità, competenza, sollecitudine ed umanità, quanti si rivolgono ad esso.
I cambiamenti organizzativi e strutturali effettuati nel corso di questi anni, sono stati finalizzati a creare un ambiente sanitario sempre più moderno e fruibile in funzione delle esigenze del cittadino/utente.
Ringraziamo fin da ora tutti coloro, pazienti e caregivers, che vorranno contribuire, con le loro osservazioni e suggerimenti, al miglioramento dei nostri servizi.

Presentazione dell’Hospice “Villa Maria Immacolata”

La nostra Casa di Cura è gestita dalla I.C.E.C. Casa di Cura Villa Maria Immacolata, accreditata ed autorizzata con Decreto del Commissario ad Acta n. U00033 del 12/02/2014 con il Servizio Sanitario Regionale per l’attività di Cure Palliative.

Hospice residenziale

è l’Unità Organizzativa nella quale con l’insieme degli interventi sanitari, socio-sanitari ed assistenziali, vengono erogate ininterrottamente, da una èquipe multidisciplinare esperta in Cure Palliative, cure in grado di garantire la presa in carico globale del paziente e della famiglia.

Cure Palliative domiciliari

l’abitazione del malato, è il luogo nel quale con l’insieme degli interventi sanitari ed assistenziali, vengono erogate da una equipe multidisciplinare esperta in Cure Palliative. Curare nel proprio focolare domestico la persona malata, permette alla famiglia, opportunamente guidata e sostenuta, di prendersi cura del proprio caro, ricreando in tal modo in casa il “luogo ideale e privilegiato per le cure palliative”.

Principi fondamentali

L’ Hospice Villa Maria Immacolata intende assicurare il rispetto della dignità e dell’autonomia della persona, il bisogno di salute, l’equità nell’accesso all’assistenza, la qualità delle cure e la loro appropriatezza, come viene auspicato dall’ impegno legislativo della Legge 38 del 15 marzo 2010.
Le Cure Palliative erogate nell’Hospice rappresentano una risposta integrata, terapeutica ed assistenziale, ai bisogni del paziente e della sua famiglia. Nel perseguire il proprio obiettivo questo Hospice si prende cura della persona e della sua famiglia, sotto tutti gli aspetti, in particolare alla sfera psicologica, sociale e spirituale, per migliorare la qualità di vita del paziente e dare supporto al nucleo familiare.

Impegni della struttura nei confronti dei cittadini-utenti

I principi su cui si basa la presente Carta dei Servizi comprendono l’impegno dell’Hospice Villa Maria Immacolata nel rispetto dei diritti dei pazienti.

Eguaglianza

L’Hospice Villa Maria Immacolata s’impegna a garantire uguaglianza di trattamento nell’offerta dei servizi erogati a tutti i cittadini senza distinzione di età, sesso, orientamento sessuale, etnia, lingua, nazionalità, religione, opinioni politiche, costumi, condizioni fisiche, condizioni psichiche, condizioni economiche, struttura della personalità, si impegna a rispettare, in tutti i momenti del vivere quotidiano, la dignità della persona.

Imparzialità

L’Hospice Villa Maria Immacolata s’impegna ad assicurare a tutti i cittadini un comportamento equanime sia da parte dei servizi sia da parte del personale che opera nella struttura, ed evita atteggiamenti di parzialità e ingiustizia, ossia trattamenti non obiettivi nei confronti degli utenti.

Continuità

L’Hospice Villa Maria Immacolata si impegna ad assicurare la continuità qualitativa e quantitativa e la regolarità dei servizi, delle terapie e dell’assistenza: Qualora si verificassero irregolarità o discontinuità nel servizio la Struttura si impegna a far subire il minor disagio ai pazienti.

Obiettivi e Politica per la Qualità

L’Hospice è un punto di riferimento a cui possono rivolgersi per la terapia di supporto e palliativa tutti i cittadini residenti nella Regione Lazio, sia in ambito residenziale che domiciliare. La politica della qualità, adottata dall’Hospice, segue una linea di condotta che riconosce la centralità delle esigenze e aspettative del cittadino/utente che accede alla struttura e usufruisce delle prestazioni erogate, rispettando la tutela della vita, della salute fisica e psichica, della libertà e della dignità della persona. Al perseguimento degli obiettivi di miglioramento dei servizi sono dedicati piani di azione e/o piani assistenziali individuali. Le principali aree sulle quali vengono focalizzati gli obiettivi e i piani per la qualità sono le seguenti:
• Appropriatezza delle prestazioni terapeutiche ed assistenziali
• Mantenimento e miglioramento della tutela delle condizioni assistenziali degli ospiti
• Piena occupazione della capacità assistenziale
• Mantenimento e miglioramento dell’assistenza alberghiera
• Miglioramento della vigilanza sulle condizioni sanitarie degli ospiti
• Miglioramenti dei sistemi informativi e dei servizi infrastrutturali
• Soddisfazione dei pazienti e dei familiari. Come verifichiamo il rispetto degli impegni legati agli obiettivi Il sistema di gestione per obiettivi per la qualità comporta la responsabilizzazione e la motivazione della direzione, dei responsabili e di tutto il personale interessato. Il sistema di gestione per la qualità fornisce quali principali strumenti di verifica del rispetto degli impegni presi per la qualità:
• Monitoraggio dei piani di azione finalizzati agli obiettivi per la qualità, con reporting e azioni correttive a fronte di scostamenti rispetto agli obiettivi /target
• Cicli di audit interni
• Riesame da parte della direzione
• Risultati delle indagini sulla soddisfazione dei pazienti e dei familiari
• Risultati del servizio reclami
• Sistema di segnalazione e trattamento di non conformità, scostamenti, eventi avversi ed eventi sentinella.
• Meccanismi di tutela del paziente e di verifica degli impegni

Modalità di accesso alle cure palliative

Come avviene la presa in carico in Hospice Residenziale o in Cure Palliative domiciliari?
La PIC (presa in carico) da parte del nostro Hospice è subordinata ad una valutazione effettuata dall’unità valutativa della ASL di competenza ed è rivolta a tutti i pazienti per i quali è già pervenuta la richie-sta di assistenza presso l’URP della nostra Casa di Cura.
Per richiedere l’assistenza al nostro Hospice è necessario:
– che la persona per la quale si presenta la richiesta abbia una diagnosi di patologia in fase avanzata (oncologi-ca o non oncologica);
– essere residenti nella Regione Lazio;
– codice ENI o STP (solo per le persone con cittadinanza diversa da quella italiana).
– documento di identità del paziente in corso di validità (da allegare alla richiesta);
– libretto sanitario cartaceo o tessera sanitaria (da allegare alla richiesta);
– relazione clinica dettagliata (da allegare alla richiesta).
Se in possesso di questi requisiti e documenti, compilare la modulistica scaricabile premendo qui in tutte le sue parti.
Il modulo dovrà essere compilato dal medico di famiglia (MMG) o medico specialista o medico ospedaliero e firmato, oltre che dal medico compilatore negli spazi di sua competenza, dal paziente o dal familiare che ne fa le veci. Si prega di prestare particolare attenzione alle firme da apporre sul modulo di richiesta.
Se non sarà il paziente a firmare i moduli, il familiare che firmerà per suo conto dovrà compilare anche la di-chiarazione sostitutiva che si trova nell’ultima pagina del modulo e allegare anche il suo documento di iden-tità (oltre quello del paziente).
Il modulo deve essere stampato, compilato, firmato e inviato unitamente agli allegati e documenti richiesti via mail (amministrazione@villamariaimmacolata.it) o via FAX (06/53272037)
Prima della PIC del paziente, verrà effettuato un colloquio conoscitivo/informativo con i familiari del malato per le informazioni e l’organizzazione dell’attività di assistenza domiciliare. Al momento della PIC del paziente a domicilio, è necessario individuare all’interno della famiglia un referente (Care-giver) che partecipi al percorso assistenziale del paziente. Il Care-giver deve portare al momento del colloquio la documentazione clinica di cui è in possesso. Inoltre si richiede di portare con sé l’elenco dei farmaci che si stanno assumendo a domicilio e dovrà consegnare copia di un documento di identità valido del paziente, la tessera sanitaria e il codice fiscale.

Presa in carico in Cure Palliative domiciliari

Dopo l’autorizzazione alla presa in carico da parte della ASL competente, l’équipe assistenziale si attiverà per le visite a domicilio, sulla base di una programmazione settimanale. Grazie al servizio di reperibilità, il nucleo familiare ha sempre la possibilità, nei casi di emergenza, di contattare il Medico.

L’organizzazione delle Cure Palliative domiciliari

Le Cure Palliative domiciliari assistono 16 pazienti sul territorio urbano, l’organizzazione del lavoro prevede che l’equipe segua 16 pazienti. L’ equipe multidisciplinare è così composta:

• Medici
• Capo sala
• Infermieri
• Psicologo
• Fisioterapista
• Assistente Sociale
• Volontari

Nell’esecuzione delle visite domiciliari ogni medico dispone di un telefono per gestire la reperibilità diurna e notturna, mentre per gli infermieri è solo diurna.
Le Cure Palliative domiciliari hanno in dotazione autovetture aziendali a disposizione dei medici e/o infermieri per effettuare le visite a casa del paziente. I Medici sono a disposizione tutti i giorni, domenica e festivi compresi, 24 ore su 24: ogni paziente e familiare (care-giver) avrà a disposizione all’inizio dell’assistenza un elenco con nomi e numeri telefonici degli operatori che lo seguiranno nell’assistenza.
L’Hospice fornisce durante il periodo di assistenza i farmaci e i presidi necessari alla Cure Palliative forniti dal Servizio Farmaceutico dell’ASL RM 3.
Il ritiro dei farmaci avviene tramite appuntamento presso la portineria sita al civico 391

L’Hospice Residenziale

L’Hospice Residenziale è il luogo di ricovero in grado di prendersi cura del paziente e della sua famiglia che seguiti, dall’equipe multidisciplinare esperti in Cure Palliative, perseguano come obiettivo primario il controllo del dolore e degli altri sintomi, fisici, psicologici e spirituali.
L’equipe multidisciplinare ha inoltre l’obiettivo di tutelare e sostenere le famiglie accompagnandole e guidandole nel percorso della malattia del proprio caro. Ciò che differenzia l’Hospice residenziale da un normale reparto ospedaliero è la sua “filosofia” di intervento, orientata con le cure e lo sforzo terapeutico “dal guarire” al prendersi cura” sapendo che la risposta alle sofferenze è data dal supporto di cure amorevoli. Nel percorso assistenziale la famiglia viene informata e preparata al processo assistenziale. Non ci sono limitazione al numero o all’età dei visitatori, salvo che per le attività sanitarie e di assistenza ed il riposo diurno e notturno dei pazienti. Ogni malato può avere accanto a sé una persona per lui significativa durante l’arco dell’intera giornata, inoltre può personalizzare la propria stanza con oggetti personali durante il periodo di accoglienza. Sono ben accetti gli amici a 4 zampe.
L’assistenza sanitaria medico-infermieristica è assicurata 24 ore su 24.

Ricovero Hospice Residenziale: Al momento del ricovero, è bene individuare all’interno della famiglia un referente (Care-giver) che “partecipi” al percorso assistenziale del paziente. Il referente familiare (Care-giver) al momento del ricovero deve portare con sé tutta la documentazione clinica in possesso e consegnare copia di un documento di identità valido del paziente, la tessera sanitarie e il codice fiscale.
È necessario ricordarsi di portare con sé la biancheria personale, gli asciugamani e gli effetti personali. Durante la degenza è consigliabile tenere con sé i soli effetti personali non di valore per i quali la I.C.E.C. Casa di Cura Villa Maria Immacolata S.r.l. declina ogni responsabilità.

L’organizzazione dell’Hospice Residenziale

L’Hospice residenziale ha a disposizione 4 posti letto. Le camere di degenza, sono tutte singole e dotate di comfort alberghiero, bagno. Ogni stanza ha il letto di degenza articolato elettricamente, l’ossigeno e l’aspirazione centralizzata, l’aria condizionata, è corredata da un armadio personale, da un tavolo ed un apparecchio televisivo Lcd. Ogni stanza è inoltre dotata di un sistema di chiamata per il personale che permette di avvertire in caso di bisogno. Per offrire un’atmosfera più familiare, i pazienti possono personalizzare la propria camera utilizzando anche la “bacheca” presente in ciascuna stanza. L’Hospice è inoltre dotato di un salone polivalente, luogo di momenti di incontro, di una biblioteca e di una tisaneria.

L’ingresso dei visitatori

L’accesso per amici, parenti, conoscenti e amici a quattro zampe è auspicato anche quotidianamente (le visite potrebbero subire modifiche in linea con la normativa vigente). Occorre però rispettare privacy e riposo degli ospiti, nonché il regolare svolgimento delle attività sanitarie e di assistenza. Pertanto l’accesso alle stanze può essere limitato in caso di visite mediche, operazioni di pulizia ed assistenza, riposo diurno e notturno.

Orari di visita Gli orari di visita ai pazienti ricoverati sono: dalle 08.30 alle 19.30. Attenersi il più possibile a questi orari è indispensabile per il buon funzionamento dell’intero reparto. Durante la notte sarà consentito l’ingresso ad un solo familiare previa richiesta su apposito modulo. I visitatori non devono sovraffollare le stanze di degenza, sedere sul letto del paziente, né depositare nella sala di degenza i propri oggetti personali.
Il vitto: In reparto vengono serviti tre pasti al giorno: Colazione: tra le 7.30 e le 8.00 Pranzo: tra le 12.00 e le 13.00 Cena: tra le 18.00 e le 19.00. Nei casi in cui non vi siano particolari indicazioni dietetiche da parte del medico. Anche per un familiare, che soggiorni in Hospice, è prevista, sempre gratuitamente, la possibilità di ricevere il pranzo.
Il silenzio: È indispensabile osservare il silenzio e rispettare la tranquillità di ciascun reparto, soprattutto nelle fasce orarie che vanno dalle ore 13.00 alle ore 15.00 e dalle ore 22.00 alle ore 7.00. Infatti, consapevoli di far parte di una comunità, gli utenti devono evitare qualsiasi comportamento che possa creare situazioni di disturbo o disagio agli altri ospiti (rumori, luci accese, radioline con volume alto, ecc.). In particolare: il volume della televisione e/o degli apparecchi radiofonici deve essere tenuto basso, gli ospiti sono pregati di rispettare il riposo notturno e diurno degli altri, di evitare ogni forma di rumore inutile dopo le ore 22.00.
Il fumo: Nel rispetto delle disposizioni legislative in materia, della salute propria e di quella altrui negli ambienti chiusi dell’Hospice è assolutamente vietato fumare. Incaricati di vigilare sul divieto sono: Direzione Sanitaria e il personale in servizio. Va rammentato, inoltre, che fumare nei locali dove vige il divieto, per la presenza di segnalatori di fumo, può comportare l’attivazione del relativo allarme e le conseguenti procedure di allerta.
Le mance: Tutto il Personale è a disposizione per assistere e curare il paziente nel migliore dei modi. Tali compiti rientrano nelle mansioni proprie dei diversi ruoli professionali e pertanto nessun operatore sanitario deve richiedere o accettare mance. Eventuali comportamenti difformi a quanto sopra descritto, dovranno essere segnalati alla Direzione Sanitaria per i provvedimenti del caso.
Emergenze: (incendio, scosse telluriche ecc.) Ai sensi della D. Lgs 81/08, il personale della struttura è addestrato ad intervenire per controllare gli incendi e tutelare la sicurezza dei pazienti. All’interno di ogni reparto di degenza sono presenti le planimetrie indicanti le vie di esodo. È importante prenderne visione. In caso di situazione a rischio (incendio, fumo, interruzione di energia elettrica, terremoti, ecc.):
• evitare ogni condizione di panico;
• affidarsi e seguire scrupolosamente le direttive del personale di servizio;
• non utilizzare gli ascensori se non autorizzati dal personale di servizio.

L’attività Sanitaria di Cure Palliative e le prestazioni Sanitarie ed assistenziali in Hospice Residenziale e delle Cure Palliative domiciliari

Un principio fondamentale di tutte le attività cliniche dell’Hospice sono un approccio professionale che assuma le valenze positive della Evidence Based Medicine (EBM) e sappia trasferire in modo critico nella realtà dell’Hospice il contenuto di linee guida e standard nazionali e internazionali. Le cure palliative si rivolgono a persone affette da malattie progressive ed in fase avanzata, a rapida evoluzione e per le quali ogni intervento è vòlto a migliorare “la qualità di vita”. Pertanto, la modalità assistenziale è multidisciplinare, per garantire un intervento assistenziale unitario, limitato o continuativo nel tempo, ma tutto vòlto ad assicurare un’assistenza efficace all’accompagnamento della persona nel suo percorso di vita. I servizi sono erogati al paziente ricoverato, secondo le seguenti attività:
• Hospice Residenziale
• Cure Palliative domiciliari
• Servizio di Psicologia su richiesta
• Servizio di Fisioterapia
• Servizio di Terapia Occupazionale
• Servizio Assistenza Sociale
• Convenzione analisi cliniche presso il laboratorio SAM Centro diagnostico Luisa
• Assistente Spirituale su richiesta
• Associazione di Volontariato su richiesta
L’equipe è composta da medici, infermieri, psicologi, assistenti sociali, fisioterapisti, terapisti occupazionali, assistente spirituale e volontari. Il personale è preparato sia professionalmente che umanamente ad assistere i pazienti. Non vengono effettuate sperimentazioni terapeutiche.
Durante il periodo di degenza compete al medico valutare se confermare, modificare o interrompere la terapia precedentemente seguita a domicilio o in ospedale. Durante la degenza non devono essere assunti farmaci di propria iniziativa. È vietato somministrare ai degenti terapie differenti da quelle riportate in cartella, i farmaci non autorizzati dai medici dell’Hospice, verranno immediatamente ritirati.
Richiesta copia della cartella clinica
È possibile richiedere copia della cartella clinica compilando il modulo di richiesta che può essere scaricato dal ns sito internet oppure ritirandone copia presso il nostro ufficio URP.
Tale richiesta potrà essere effettuata dal paziente stesso, soggetto legittimato provvisto di documento di identità o da un delegato presentando il modulo di richiesta compilato e sottoscritto necessariamente dal titolare della documentazione, allegando il documento di identità di quest’ultimo (in originale o copia controfirmata dal titolare).
Al ritiro, il delegato dovrà essere provvisto del proprio documento di identità, di delega firmata e di un documento di identità del delegante (in originale o copia controfirmata dal titolare); nel caso incapaci assoluti/relativi, gli esercenti la patria potestà o tutori/curatori (oppure loro delegati) muniti di adeguata documentazione legale ed eventuale delega; in caso di decesso, gli eredi legittimari in grado di comprovare tale status, muniti di adeguata documentazione legale/autocertificazioni attestanti la propria qualità e la relazione di parentela. Quando i legittimari siano più d’uno e vi sia tra loro dissenso, è competente in merito l’Autorità Giudiziaria.
Una volta compilato dovrà essere consegnato presso i nostri uffici versando contestualmente la somma dovuta; oppure inviando il modulo tramite mail al seguente indirizzo di posta elettronica amministrazione@villamariaimmacolata.it versando la somma dovuta tramite bonifico bancario, dopo aver ricevuto comunicazione dell’importo da corrispondere a:

I.C.E.C. Srl Casa di Cura Villa Maria Immacolata IBAN: IT03C0503403210000000182322

Indicare in causale l’espressione:” Richiesta copia cartella clinica Nome, Cognome, Codice Fiscale del paziente”.
NB: in assenza di modulo debitamente compilato, documento di identità dell’avente diritto, certificazione comprovante il titolo e copia di ricevuta del bonifico bancario, la richiesta non potrà essere evasa.
Il costo è di 30,00 euro, iva inclusa, per un numero di pagine massimo pari a 100* (oltre la centesima pagina sarà applicato un supplemento di €0.20 per ogni singola pagina).
La copia sarà pronta dopo circa 30 giorni a partire dalla richiesta.
Per ulteriori informazioni rivolgersi all’URP

La collocazione dei servizi
La struttura Sanitaria ha un parcheggio interno per i visitatori, ed il reparto Hospice è composto da un unico piano di degenza.
All’interno della Struttura i servizi sono dislocati come di seguito elencati:
• Direzione Sanitaria – URP – Direzione Amministrativa edificio dedicato
• Hospice Residenziale Palazzina B I° Piano
• Medico di guardia Piano Palazzina A Piano -1
• Servizio di Lavanderia intima ad un costo di €65/mese da attivare presso l’U.R.P.
• Servizio Farmacia/magazzino
• Camera Mortuaria edificio esterno vicino in corrispondenza del civico 395
• Cucina Palazzina A piano -1

Il consenso ai trattamenti
Il paziente ha diritto a ricevere un’informazione chiara e completa sul suo stato di salute e sulle possibili prospettive diagnostico-terapeutiche, e quindi vengono fornite tutte le informazioni obiettive sulle prestazioni disponibili, sul soggiorno, la diagnosi e gli atti terapeutici. Viene inoltre spiegato al paziente e ai familiari che l’attività assistenziale si ispira alle norme professionali ed etico-deontologiche degli operatori sanitari che salvaguardano il principio del rispetto della persona in tutte le fasi della sua vita e che escludono ogni forma di abbandono o di accanimento terapeutico e che gli operatori sono altresì impegnati a rispettare le volontà dei pazienti purché queste non siano in contrasto con i principi etici della professione medica e con quelli dell’Hospice . Ogni comunicazione clinica-assistenziale a parenti, ivi compreso il coniuge, deve essere preventivamente autorizzata dall’interessato (ove possibile). A tal fine, il paziente dovrà compilare e firmare uno specifico modulo inerente l’autorizzazione alla comunicazione a terzi dei propri dati personali sensibili, indicando i soggetti da lui autorizzati (nominativo, grado di parentela e reperibilità telefonica) a ricevere informazioni inerenti il suo stato di salute. Tale modulo, conservato nella cartella clinica, dovrà essere consultato dal personale sanitario prima di fornire a terzi indicazioni sulle condizioni cliniche del paziente. In caso il paziente rifiuti o decida di interrompere il trattamento terapeutico, il personale sanitario informa il paziente e i suoi familiari sui diritti e sulle conseguenti responsabilità. Il consenso ai trattamenti è la manifestazione della volontà del paziente che sceglie liberamente di essere preso in cura dall’Hospice. Per qualsiasi atto medico, ad eccezione di quelli compiuti in situazione di emergenza e di incapacità ad esprimere il “consenso informato”, è necessario che il paziente sia preventivamente d’accordo sulla sua esecuzione. La libera adesione del paziente prevede naturalmente che il medico lo informi in modo chiaro ed esauriente su quello che intende fare ed è per questo motivo che si parla di “consenso informato”. Tramite sottoscrizione di specifica modulistica, al momento del ricovero, vengono acquisiti dal paziente:
• il consenso al trattamento dei dati sensibili, ai sensi della vigente normativa sulla privacy;
• il consenso generico alla presa in cura presso l’Hospice, ai sensi dell’art. 11, art. 12, art.13, art. 26 del Codice di Deontologia Medica (2014);
• il consenso a chi fornire le informazioni sul suo stato di salute;
• per particolari attività cliniche il consenso deve essere acquisito per iscritto, tramite firma su apposito documento contenente un’adeguata informativa sull’intervento proposto e sulle possibili complicanze, immediate o tardive.

I Diritti dei pazienti (DPCM 19/05/95)
L’accesso ai servizi è garantito ai cittadini in maniera equa, nel rispetto della dignità della persona e senza discriminazioni di nessun genere. Il paziente deve ricevere informazioni su diagnosi, terapia, rischi e possibili alternative, in modo completo e aggiornato.
L’Hospice deve rispettare la documentata volontà del paziente a non ricevere o a delegare ad altro soggetto tali informazioni Nessuno può essere sottoposto a trattamenti sanitari senza un espresso consenso informato. Ove il sanitario raggiunga il motivato convincimento dell’inopportunità di una informazione diretta, la stessa dovrà essere fornita, salvo espresso diniego del paziente, ai familiari o a coloro che esercitano potestà tutoriale. Al paziente devono essere evitati sofferenze e dolore non necessari
Il paziente ha diritto ad ottenere che i dati relativi alla propria malattia ed ogni altra circostanza che lo riguardi rimangano segreti.
Il paziente ed i suoi familiari devono essere messi in condizione di identificare gli operatori ed il nome del medico responsabile delle cure
Il paziente ha il diritto di accedere a servizi sanitari di alta qualità, sulla base della definizione e del rispetto di precisi standard
Il paziente ha il diritto di essere libero da danni derivanti dal cattivo funzionamento dei servizi sanitari, dalla malpractice e dagli errori medici, e ha il diritto di accesso a servizi e trattamenti sanitari che garantiscano elevati standard di sicurezza.
Il paziente ha il diritto all’accesso a procedure innovative, incluse quelle diagnostiche, secondo gli standard internazionali e indipendentemente da considerazioni economiche o finanziarie.
Il paziente ha diritto al rispetto delle proprie convinzioni religiose e all’assistenza religiosa
L’utente ha diritto a presentare reclami e segnalazioni e a ricevere, relativamente agli stessi, una risposta scritta o verbale
Il diritto di accesso agli atti è garantito nei modi e nei tempi previsti dalla legislazione

L’Hospice garantisce i seguenti diritti

Scelta: Ogni cittadino ha diritto di scegliere, nell’ambito di servizi analoghi, la struttura alla quale rivolgersi, nel contempo il personale sanitario e assistenziale fornisce al paziente informazioni, in modo completo, chiaro e comprensibile, sullo stato di salute, sui possibili percorsi assistenziali e sulla loro efficacia.
Riservatezza: riservatezza nel trattamento dei propri dati personali, ivi compresi quelli idonei a rivelare il proprio stato di salute. L’informativa al paziente e la richiesta di esprimere il suo consenso all’utilizzazione dei propri dati personali è disciplinata in conformità alle disposizioni del D.Lgs 196/2003 s.m.i. (“Codice in materia di protezione dei dati personali”).
Partecipazione garantisce ai cittadini la possibilità a collaborare con osservazioni e suggerimenti alla corretta erogazione della prestazione e al miglioramento del servizio prestato dalla struttura e, privilegiando l’informazione e la scelta pesata delle cure e delle modalità terapeutiche, garantisce che i principi enunciati nella presente Carta dei Servizi siano condivisi e riesaminati attraverso i suggerimenti che giungono dai vari soggetti interessati (Cittadini utenti, Pazienti, Associazioni di volontariato, Enti Locali, ecc.)
Efficienza ed efficacia persegue il continuo miglioramento della qualità e dell’efficienza dei servizi adottando ogni misura idonea al raggiungimento di tali obiettivi mantenendo al centro il paziente e le sue necessità.
L’URP assicura una informazione chiara e riservata sulle attività, sui servizi, sui percorsi (cosa fare per) sulle modalità di accesso e di erogazione delle prestazioni (orari, sedi, documentazione necessari, numeri di telefono) e sui tempi di attesa.
Tutela L’URP raccoglie reclami, segnalazioni di problemi, disagi e disservizi che gli utenti possono aver incontrato nel rapporto con la struttura sanitaria. Alle segnalazioni di rapida soluzione viene data risposta immediata. Per i reclami di particolare complessità l’URP acquisisce da parte dell’interessato tutte le informazioni necessari affinché le figure preposte riscontrino in merito alla segnalazione ricevuta.
Il Servizio reclami L’ Hospice garantisce la funzione di tutela nei confronti del cittadino anche attraverso la possibilità, per quest’ultimo, di sporgere reclamo a seguito di disservizio, atto o comportamento che abbiano negato o limitato la fruibilità delle prestazioni. I reclami possono essere inviati via mail all’indirizzo amministrazione@villamariaimmacolata.it

Prenota un appuntamento

Programma il tuo appuntamento per:

  • una videochiamata
  • una visita presso la Casa di Cura

Dove siamo

Contattaci



    Chiama ora

    Ragione Sociale

    Casa di Cura Villa Maria Immacolata Icec srl

    P.IVA 00903131001

    C.F. 00476130588

    Indirizzo

    Indirizzo

    Via del Casaletto, 391/395
    00151 Roma

    email

    amministrazione@villamariaimmacolata.it